venerdì 5 giugno 2020

Morte di migliaia di uccelli

Misteriosa morte di 11 mila uccelli.
Migliaia di uccelli sono risultati malati o morti nelle ultime due settimane in Germania, facendo salire l'allarme tra scienziati e gruppi per la tutela della fauna che hanno iniziato a indagare per individuare la causa.
I casi registrati sono oltre 11mila. I risultati di ulteriori esami sono attesi nei prossimi giorni. Non ci sono per ora notizie che la malattia abbia colpito altri animali diversi dagli uccelli.
https://www.lastampa.it/la-zampa/altri-animali/2020/04/22/news/misteriosa-morte-di-11-mila-uccelli-in-germania-si-teme-una-malattia-sconosciuta-1.38749571



Spero che la malattia non si espanda ad altri animali.

martedì 5 maggio 2020

Flash mob

Noi italiani stiamo affrontando un brutto periodo di epidemia; ed è per questo che noi facciamo il più possibile per rimanere vicini.
Per rimanere uniti le persone hanno fatto dei flashmob:
https://youtu.be/iP-VYBhpSBI

SI AL RECOVERY FUND.


Il pacchetto Mes-Bei-Sure operativo dal primo giugno dato che i 27 leader Ue hanno approvato il pacchetto di aiuti da 540 miliardi di euro. La Commissione dovrà mandare in due settimane ai leader una proposta dettagliata in cui spiega come intende collegare i recovery bond con il bilancio pluriennale europeo e che tipi di obbligazioni europee saranno emessi. Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Grecia chiedono che il recovery fund si basi sui fondi del bilancio comunitario ed emetta delle obbligazioni fino a 1,5 trilioni di euro (1500 miliardi) mentre Austria, Svezia, Finlandia e Paesi bassi si oppongono perché vogliono che il recovery fund dia in prestito questo soldi e non a fondo perduto o con il meccanismo del “debito perpetuo”, ma ci arriviamo. 
Speriamo che i fondi arrivino presto alle famiglie dato che molta gente non può lavorare e molte aziende e negozi stanno per chiudere o licenziano i dipendenti perché non riescono a pagare le spese. 
Molte persone non hanno entrate monetarie e non riescono nemmeno ad acquistare i beni primari.

mercoledì 29 aprile 2020

Body Shaming

Il body shaming è una forma di bullismo che colpisce l’aspetto fisico. Fenomeni di questo genere si sono verificati negli ultimi giorni su Instagram davanti a migliaia di persone.  Gli individui che mettono in atto  dovrebbero seriamente riflettere su quanto provocano nella psiche delle loro vittime. Alcuni ragazzi si sono tolti la vita, altri sono caduti nel baratro della bulimia o al contrario dell’anoressia, altri ancora si sono chiusi in se stessi continuando a subire. 
Purtroppo il bullismo non si verifica solo attraverso i social, è presente ogni giorno intorno a noi: nelle scuole, nei luoghi di incontro, negli sport… . Vorrei consigliare a tutti coloro che subiscono atti di bullismo di confidarsi sempre con i genitori o con gli adulti preposti a ciò. Mio padre e mia madre mi dicono sempre: “se c’è un problema ne devi parlare in famiglia perché insieme possiamo trovare una soluzione ed evitare di incorrere in eventi spiacevoli”.

Vorrei che i social media punissero questi comportamenti e bloccassero i profili e in base alla gravità delle conseguenze, ricorrere a denunce, perché non è accettabile che nel 2020 ci debbano essere “questi giudizi” spesso non richiesti.

sabato 25 aprile 2020

L'inestimabile valore del 25 Aprile

https://youtu.be/OrH6K2y0fjs

Oggi la nuova resistenza in che cosa consiste. Ecco l’appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l’onestà e il coraggio. L’onestà… l’onestà… l’onestà. […] E quindi l’appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c’è qualche scandalo. Se c’è qualcuno che dà scandalo; se c’è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!
Sandro Pertini

Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì, o giovani, col pensiero perché lì è nata la nostra costituzione.

Piero Calamandrei

venerdì 24 aprile 2020

Telegram e la pedopornografia

Già una mia compagna ha trattato l'argomento in questione e ho deciso di scriverne anch'io per dire la mia:Oggi non scriverò cose riguardanti la politica o articoli riguardanti il Covid-19 ... scriverò un articolo tutto mio, su fatti accaduti da tempo, venuti a galla 3 aprile. Sto parlando di gruppi (dell'applicazione Telegram) il cui argomento principale è pornografia e pedopornografia, gruppi in cui i ragazzi si scambiano foto di ragazze (amiche, sorelle, figlie, ex fidanzate, cugine, sconosciute, ecc..), anche vendendole... Sono stufa che noi donne dobbiamo vivere in una bolla, non possiamo nemmeno mettere una foto del nostro innocente viso perché potrebbe essere "rubata" e usata come oggetto di scambio. Noi donne non siamo un semplice oggetto di scambio, non siamo della merce... Sono stufa che dobbiamo sempre avere paura di fidarci delle persone perché potrebbero trasformarsi in mostri, proprio come gli utenti dei gruppi in oggetto... Sono stufa del fatto che non possiamo essere libere di esprimere i nostri gusti in fatto di stile perché sicuramente verremo giudicate, e se poi ci dovesse accadere qualcosa senza ombra di dubbio ci verrebbe detto (da maschi e femmine indistintamente) "te lo sei meritata"... Sono stufa che se voglio uscire con un ragazzo perché mi piace e ci finisco a letto io sono la "poca di buono" e lui è il mito che se ne è portata a letto un'altra... NOI DONNE NON SIAMO UN GIOCO, SIAMO ESSERI UMANI CON SENTIMENTI! Un conto sono i giudizi, perché quelli nella vita li avremo sempre, un conto però è non essere libere di scegliere. Non ci viene data la possibilità di esprimerci, non possiamo indossare un certo abito e scattare una foto, o magari anche solo del nostro viso, che diventiamo merce aperta a tutti.. Vi sembra giusto? IO non sono nessuno per dire cosa è giusto e cosa è sbagliato, però sono una donna e so cosa significa ricevere attenzioni indesiderate e sono certa che questo è sbagliato, è sempre sbagliato quando un qualsiasi umano viene trattato così, e solo perché siamo donne, non vuol dire che siamo inferiori, anzi senza ombra di dubbio in queste cose, noi, siamo superiori rispetto ai viscidi che quotidianamente ci calpestano. Noi donne non abbiamo bisogno di "vendere" foto di uomini per sentirci grandi o soddisfatte... Con questo chiudo l'argomento Telegram. 

giovedì 23 aprile 2020

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

     
La giornata mondiale della Terra promossa dall'ONU (Organizzazione delle Nazioni Unite) su iniziativa dell'ambientalista e pacifista John McConnell e denominata Earth Day 2020, taglia il traguardo dei 50 anni.  Il tutto è iniziato per la necessità della conservazione delle risorse naturali del pianeta nel tempo. La giornata mondiale della terra si basa sul principio che tutti, indipendentemente dal sesso o dalle condizioni sociali ed economiche, abbiamo il diritto di vivere in un ambiente sano, equilibrato e pacifista. Anno dopo anno, sono state tante le manifestazioni in ogni angolo del pianeta per l'ambiente, ma la manifestazione che ha dato le mosse al tutto è stata quella del 22 aprile del 1970 durante la quale venti milioni di americani hanno manifestato per difendere la terra. E' stata una manifestazione storica! La cosa più bella è che nonostante il fermo imposto dal Covid-19 le iniziative a favore dell'ambiente non si sono fermate, e le celebrazioni per Earth Day 2020 si sono svolti online.
Nella particolare situazione che stiamo vivendo non si può non considerare come la terra si stia rigenerando e ritengo che sia orribile il fatto che la terra abbia ripreso a "respirare" proprio nel momento in cui gli umani hanno smesso di farne "uso". E' una dura verità e realtà, che ci dovrebbe far riflettere seriamente e profondamente. Non si può non notare quanto stiamo "approfittando" della natura, come stiamo distruggendo il nostro mondo, la nostra terra.
Riflettiamo sullo stato della nostra terra in questo momento paragonandolo a quello di qualche mese fa, prima che il Covid-19 dilagasse. La terra "senza" la nostra presenza, il nostro inquinamento è rinata. Quindi riflettiamo e agiamo prima che sia troppo tardi. 


martedì 21 aprile 2020

Coronavirus, si finge infermiere e fa video: denunciato

Fonte: https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/coronavirus-si-finge-infermiere-a-controllo-e-fa-video-denunciato_17410654-202002a.shtml
Un uomo ha finto di essere un infermiere e di aver finito un turno molto lungo in ospedale, per eludere i controlli al posto di blocco a Turbigo (Milano). L'uomo inoltre si è anche filmato spiegando quanto da lui macchinato: "ho detto che avevo appena finito un turno di venti ore in ospedale. Mi hanno fatto il saluto militare e mi hanno detto "grazie per quello che fa". "E pensare che ho pure bevuto". Il video è diventato virale ed è arrivato anche alla polizia che ha rintracciato l'uomo e lo ha sanzionato e denunciato.
Sinceramente sono stupita dal comportamento di alcune persone specialmente in questo periodo nel quale più che mai bisognerebbe rispettare le regole. L' uomo protagonista dell'articolo oltre a violare le norme si è anche finto infermiere prendendo in giro le forze dell'ordine che ogni giorno insieme ai medici rischiano la loro vita per salvare la nostra.

lunedì 20 aprile 2020

Martin Luther King

Martin Luther King - "I have a dream"   https://youtu.be/B8TB1CFd2kc?t=54  
Martin Luther King nasce ad Atlante il 15 gennaio 1929. Cresce nel sud del suo paese, dove razzismo e segregazione arrivano a livelli estremi. Studia nelle migliori scuole aperte ai neri, nel 1954 si laurea in Filosofia e diventa pastore come suo padre. Si trasferisce in Alabama, dove inizia la sua lotta contro razzismo e segregazione. Gli ideali di King sono la non violenza e i principi di Gandhi. La sua lotta contro il razzismo inizia ufficialmente quando Rosa Parks, attivista di colore, viene arrestata perché non ha lasciato il posto sull’autobus ad un bianco. Organizza un boicottaggio durato 382 giorni dei mezzi pubblici da parte dei neri: si tratta di una protesta del tutto pacifica e che quindi fa il giro del mondo. il potere di Martin è quello di far emergere la coscienza degli afroamericani, i quali devono reagire, la lotta pacifica durerà tutta la vita, nonostante gli arresti, le minacce e la paura. L'assassinio di Martin Luther King, avvenne il 4 aprile 1968 alle ore 18:01.
si trovava da solo sul balcone al secondo piano del Lorraine Motel a Memphis. Venne ucciso da un colpo di fucile di precisione alla testa, un proiettile calibro.
Ho voluto parlare di Martin Luther King, perché non esiste una data in cui si possa nominare o no. Bisogna sempre, quando c'è la possibilità di farlo, ricordarlo e comunque ricordare anche altri grandi uomini e donne e dico ciò perché non mi è piaciuto che nei Tg, sui giornali o social non lo abbiano ricordato in una data specifica: 04/04/2020, il giorno in cui fu posta la parola fine alla sua vita, nessuno ne ha parlato! E' vero stiamo passando un brutto periodo ma penso che non faccia male ricordare persone come lui, anzi proprio il contrario ed è questo che nel mio piccolo l'ho voluto ricordare.

TELEGRAM




Come tutte le app di messaggistica che si rispettino, anche Telegram offre la possibilità di creare i gruppi, con delle funzioni molto interessanti.I gruppi standard di Telegram possono contenere fino a 200 partecipanti; se il gruppo cresce, avviene in automatico l’upgrade a Supergruppo che può contare fino a 10.000 membri.
Tra le varie opzioni, c’è la possibilità di rendere i gruppi Telegram pubblici, in modo da essere accessibili a tutti.
COSA STA SUCCEDENDO SU QUESTA APPLICAZIONE?
“Stupro tua sorella 2.0”, La Bibbia, La Bibbia 3.0 con riserva, sono solo i nomi di alcuni gruppi comparsi su telegram con oltre 50 mila iscritti che rubano da altri social foto o video di ragazze inconsapevoli per farne qualsiasi uso.L’ultima violenza sulle donne consiste nell’usare photoshop per falsificare una fotografia per scopi pornografici o come si definisce su internet “revenge porn” ma non solo: la donna viene insultata con ogni genere di epiteto o addirittura ricattata con il risultato di danni psicologici enormi e rovinarle per sempre la vita. Il pericolo è per tutte e non risparmia nessuna perché non si fa distinzione di età. Nel vortice dello scambio libero e indiscriminato di immagini web anche minorenni: nel nostro territorio ci sono state già delle vittime e il tam tam di fare attenzione a questi gruppi e segnalarli è già iniziato.
COSA NE PENSO?
Non è più solo una chat, non è un gioco, non è uno scherzo. è un incitamento dello stupro, di ragazze, donne e bambine. Non può esistere una giustificazione per non intervenire e difendere la vita di minorenni e donne. Bisogna parlarne e fermare tutto ciò, definito da coloro che ne fanno uso “normalità, non è normale stuprare bambine e donne fisicamente e psicologicamente. 

sabato 18 aprile 2020

Nuove aperture

“Un nuovo decreto di Conte stabilisce la futura riapertura di alcune attività commerciali.
Infatti negozi di cartoleria, lavanderie. negozi per neonati, e librerie, dal 14 aprile probabilmente riapriranno, per lavoro, in teoria, si potrà anche andare all’estero.
Ovviamente tutte dovranno rispettare le norme di sicurezza (mascherine, guanti, ecc..).
Abbiamo scelto questo articolo perché ci interessa particolarmente la riapertura delle aziende, anche (visto il nostro indirizzo) per vedere come si riprende un’azienda da una crisi”.
Nell’articolo sopra riportato vi sono lati positivi e lati negativi L’apertura di determinate attività commerciali è una buona notizia perché tali attività avranno la possibilità di lavorare e riprendersi, e ci fa piacere di usufruire nuovamente di alcuni beni. Però di contro si potrebbero riscontrare dei minimi rischi alla salute se, per esempio, qualcuno non prende le precauzioni giuste. Consideriamo per niente saggio il fatto di poter viaggiare all'estero, poiché si corrono rischi evidenti, non conosciamo davvero la situazione del resto del mondo in quanto a nostro parere molte notizie non vengono divulgate, sono “oscurate”.
In questo momento di crisi non solo sanitaria e sociale ma anche economica, riteniamo sia più costruttivo per la ripresa del nostro paese di di comprare gli articoli disponibili vicino a casa e non on-Line, i siti lavorano abbastanza, facciamo lavorare le persone fisiche che stanno vicino a casa nostra perché ne hanno un forte bisogno.

Lucrezia P., Filippo D., Sofia C.